CHI SIAMO


Cos'è il WWF e di cosa si occupa?


Il WWF (World Wide Fund for Nature, tradotto come "fondo d'estensione mondiale per la natura") nasce nel 1961 ed è un'organizzazione internazionale non governativa di protezione ambientale. La scelta del panda come logo è dovuta al fatto che proprio nell'anno in cui venne fondata l'associazione, il panda gigante era l'ultimo esemplare esistente nel mondo occidentale.

Il WWF Italia nasce qualche anno dopo ,nel 1967, ed è la maggior associazione ambientalista senza scopo di lucro italiana. La Missione del WWF è costruire un futuro in cui l'umanità può vivere in armonia con la natura. Questo è possibile grazie ai circa 60.000 soci e i volontari che con l'aiuto dei cittadini e il coinvolgimento delle imprese e delle istituzioni, contribuiscono a conservare i sistemi naturali in Italia e nel mondo. Nel corso del tempo il WWF ha protetto circa 30.000 ettari di natura attraverso la realizzazione delle Oasi. Un sistema di aree protette, il primo in Italia gestito da un'associazione privata e tra i primi in Europa. Le Oasi sono visitate da più di 500 mila persone, e impiegano più di 150 persone tra dipendenti e giovani delle cooperative.

Come ci finanziamo?


I fondi del WWF provengono principalmente dalle quote associative dei soci, da donazioni e lasciti testamentari. Inoltre l'Associazione riceve da aziende sostenitrici circa il 20% delle proprie entrate. Nel caso dei progetti di conservazione, i fondi possono arrivare da istituzioni come l'Unione Europea o il Ministero dell'Ambiente, che affidano al WWF la gestione e la realizzazione di specifici progetti.



WWF Molise


Nel 1986 ha inizio l’avventura del WWF in Molise. Pochi soci, molta passione e tanti scettici convinti che dopo il primo momento di entusiasmo, il tutto sarebbe naufragato, senza alcuna continuità. Al contrario, Nel 1988 il WWF Molise fece la sua prima grande azione contro il nuovo piano di fabbricazione della stazione sciistica di Campitello Matese. Il WWF e Legambiente impugnarono la causa e fu vittoria contro un progetto che poteva cambiare definitivamente il volto del Matese. Questo è stato solo l'inizio per noi. Possiamo contare altre attività significative come i 6000 ettari di territorio che entrarono in quello che oggi è il Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise; la nascita di una delle Oasi più belle del WWF Italia, quella di Guardiaregia e Campochiaro divenuti più tardi Riserva Naturale Regionale e tutte le azioni che ogni giorno sono fatte per garantire il rispetto della fauna selvatica e dell'ambiente.

Commenti

Post popolari in questo blog

Earth Hour 2020: le lanterne fai da te

Enel annuncia chiusura di uno dei 4 gruppi a carbone di Brindisi e della centrale Bocamina in Cile, WWF: Positivo ma ora servono piano e traiettoria phase out

Urban Nature a Campobasso