Post

Visualizzazione dei post da Settembre, 2015

SVILUPPO SOSTENIBILE: LE RICHIESTE DEL WWF ALL'UE

da http://www.ecoseven.net/ambiente/news-ambiente/sviluppo-sostenibile-le-richieste-del-wwf-all-ue


Povertà, fame, ambiente, sono i grandi temi della modernità: ne discuteranno a New York questo fine settimana i leader mondiali per approvare gli 'Obiettivi di Sviluppo Sostenibile'.

In questo caso, rispetto agli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che vennero fissati nel 2000 e che coprivano i quindici anni successivi, questi nuovi obiettivi focalizzano l'attenzione sulle cause profonde della povertà, la disuguaglianza e il degrado ambientale e non solo sui sintomi.

'È la più grande assise di leader mondiali di sempre, poiché le sfide che abbiamo di fronte sono le più urgenti che mai',  ha dichiarato Yolanda Kakabadse, Presidente del WWF Internazionale. 'I paesi si riuniscono per riconoscere, finalmente, che la salute dell'economia, dell'ambiente delle persone sono fondamentalmente legati'.

Ci sono in ballo miliardi di dollari di finanziamenti, pubbli…

WWF: «Dopo il discorso di Francesco si abbandoni la politica a breve termine»

da: http://www.vita.it/it/article/2015/09/25/wwf-dopo-il-discorso-di-francesco-si-abbandoni-la-politica-a-breve-ter/136686/ Per l’associazione quello del Papa è stato un discorso «di alta levatura e forza morale e intellettuale. Parole che non vanno solo ascoltate, ma anche seguite, agendo con coraggio e lavorando tutti insieme per il bene comune»
Con un discorso di alta levatura e forza morale e intellettuale, Papa Francesco ha trasmesso finalmente all’Assemblea Generale dell’ONU non solo la forza della denuncia, ma anche di una visione, sottolineando come il deterioramento del clima e dell’ambiente sono strettamente connessi con l’esclusione e la disgregazione delle società umane e con il mantenimento della pace. Per garantire la nostra sopravvivenza il mondo ha bisogno di una nuova era di cooperazione globale.

Il Papa ha detto chiaramente che ogni danno arrecato all’ambiente è un danno arrecato all’umanità e che deve esistere un diritto dell’ambiente e ci ha ricordato che abbiamo u…

Incendio alla Riserva Regionale di Guardiaregia-Campochiaro: comunicato stampa

Immagine
COMUNICATO DEL WWF MOLISE SULL’INCENDIO CHE HA COLPITO UNA PARTE DELLA RISERVA REGIONALE DI GUARDIAREGIA-CAMPOCHIARO:
            Gli incendi che nella giornata del 18 e 19 settembre 2015 hanno devastato la parte occidentale dell’Oasi WWF di Guardiaregia-Campochiaro, hanno provocato un danno importante alla biodiversità forestale dell’area protetta matesina, interessando una superficie totale ad oggi stimata in circa 100 ettari.
da MyTermoli.com

Oasi WWf danneggiata da incendi. 100 ettari in fumo 
Gli incendi che nella giornata del 18 e 19 settembre 2015 hanno devastato la parte occidentale dell’Oasi WWF di Guardiaregia-Campochiaro, hanno provocato un danno importante alla biodiversità forestale dell’area protetta matesina, interessando una superficie totale ad oggi stimata in circa 100 ettari. Un grossa fetta di un vecchio rimboschimento ad aghifoglie sul costone di località Costa Chianetta a ridosso del ponte Arcichiaro nel Comune di Guardiaregia e soprattutto una parte della preziosa vegetazione arbustiva all’interno dalla zona alta del Canyon del Quirino nella Riserva regionale matesina, sono andate  quasi interamente in fumo a causa di un incendio di chiara origine dolosa. Fortunatamente però, la natura è molto più potente di chi la danneggia e così, con i suoi cicli stagionali, verranno recuperati buona parte dei danni parziali subiti dagli alberi e dal sottobosco e già dalla prossima primave…

Un violento incendio devasta una parte del territorio dell'Oasi

Immagine
Un violento incendio ha devastato, nella giornata del 19 settembre 2015, una parte del territorio della Riserva Regionale. In particolare, sui tornanti che salgono dopo la Diga di Arcichiaro, diversi focolai hanno distrutto la pineta che costeggia la strada provinciale. In seguito, altri focolai hanno interessato la Gola del Quirino.




"Migrandata": monitoraggio dell'avifauna sul Matese

Immagine
Dal 20 al 30 agosto si è svolta "Migrandata 2015": sulle sponde del Lago Matese dieci giorni di monitoraggio e approfondimenti scientifici inerenti alle specie avifaunistiche del Parco. Il termine designa un campo naturalistico di inanellamento realizzato per lo studio delle specie avifaunistiche osservate, secondo metodi scientifici, nella zona del lago Matese. Il percorso migratorio degli uccelli che attraversano i cieli d’Europa è diventato oggetto del campo allestito dal Centro Educazione Documentazione Ambientale di Legambiente Matese e l’Associazione per la Ricerca Divulgazione ed Educazione Ambientale (ARDEA), attirando numerosi esperti ornitologi, naturalisti e volontari non solo campani. Dal monitoraggio sono stati individuate ben 95 specie di volatili e 3 nuove per quanto riguarda il Parco Regionale del Matese.Dal 20 al 30 agosto si svolgerà dunque la VI edizione di “Migrandata Matese”, il cui progetto è stato possibile grazie a: Assessorato all’Ecologia della Regi…

NO ai nuovi inceneritori sul territorio naizonale

Il WWF Italia dice NO al Decreto Sblocca-Italia, che prevede la nascita di dodici nuovi inceneritori sul territorio italiano.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/09/06/nuovi-inceneritori-ambientalisti-in-pressing-sulle-regioni-boicottate-il-decreto-sblocca-italia/2012282/

EMBARGO ALLE ORE 10.00 DI SABATO 5 SETTEMBRE
Il WWF aderisce alla mobilitazione dal 7 al 9 settembre
NUOVI INCENERITORI: SCELTA RETROGRADA DEL GOVERNO L’EUROPA PUNTA SUL RICICLAGGIO TOTALE
Il Ministro dell’Ambiente ritiri il decreto e apra un confronto con il mondo scientifico, le Regioni e le comunità locali
L’intervento dirigistico voluto dal Governo per la realizzazione nel nostro Paese di 12 nuovi inceneritori di rifiuti (che si andrebbero ad aggiungere ai 42 già attivi e ai 6 già autorizzati) classificati come infrastrutture strategiche nazionali è teso a imporre alle Regioni una politica retrograda sul piano ambientale ed economico-sociale,  che non ha spazio in Europa e non ha futuro in Italia. 
Lo sostiene il W…