Urban nature 2020: meno 9!

Torna anche a Campobasso, per la quarta volta, l'evento del WWF "Urban Nature" che promuove un rinnovamento nel modo di pensare gli spazi urbani, dando più valore alla natura, e invita amministratori, comunità, cittadini, imprese, università e scuole ad azioni virtuose per proteggere e incrementare la biodiversità nei sistemi urbani. 

Le nostre città sono ricche di fauna e vegetazione che hanno numerosissime proprietà: rigenerano l’aria che respiriamo, catturano le sostanze inquinanti, sono veri e propri serbatoi di carbonio e contribuiscono alla mitigazione del clima urbano e al miglioramento della permeabilità del terreno favorendo una miglior gestione del ciclo idrologico.

Quest'anno è l'Associazione "Vivi Colle dell'Orso" che, curando gli spazi verdi del quartiere, ha sposato la causa di "Urban Nature". 

Incontrarci per scoprire e conoscere nuovi spazi della nostra città, capirne le particolarità, le possibilità e le difficoltà, immaginarne un futuro, contribuire con le nostre possibilità allo sviluppo è il primo passo per una città più bella, vivibile e a misura di bambino.

L'impegno dell'Associazione "Vivi Colle dell'Orso" ha offerto finora ai cittadini del quartiere spazi verdi in cui incontrarsi, sostare, riposare; spazi dove i bambini possono giocare, studiare e riappropriarsi di quel "diritto alla natura" che altrove viene negato; ci sono spazi attrezzati perché i cani possano trascorrere con i loro amici umani un tempo significativo e tranquillo e c'è un luogo particolare in cui il verde dei giardini è sostituito da quello degli orti e delle piante da frutta della antica tradizione molisana, un grande esempio che restituisce ai cittadini la biodiversità perduta.

Certo, prendersi cura di tutte queste cose non è facile e le difficoltà sono tante. Anche per comprenderle e, se possibile, sostenerle è importante andare e vedere: è importante esserci, nella mattinata del 4 ottobre!



Commenti

Post popolari in questo blog

Earth Hour 2020: le lanterne fai da te

Enel annuncia chiusura di uno dei 4 gruppi a carbone di Brindisi e della centrale Bocamina in Cile, WWF: Positivo ma ora servono piano e traiettoria phase out